Il “Pistoia Gospel Singers”, unico coro Gospel nel panorama musicale pistoiese, nasce nell’ottobre del 2009 su iniziativa di un piccolo gruppo di cantanti del genere Spiritual.

 

In poche settimane, sotto l’appassionata direzione di Silvia Benesperi, il coro arriva a comprendere ben oltre 20 voci, suddivise in 4 sezioni. Già nel giro di pochi anni il gruppo viene convocato in vari eventi natalizi, si esibisce nel concerto promosso dall’Unicef di Pistoia per le vittime del terremoto ad Haiti, organizza concerti presso il teatro Bolognini di Pistoia in collaborazione con la FRATRES, fino ad approdare sul piccolo schermo, ospiti di varie trasmissioni su TVL e su TVSAT2000. Il coro viene spesso convocato in occasioni festive, non solo in ambito natalizio, quali feste provinciali e sagre, ma viene anche coinvolto  per portare un po’ della sua notoria allegria durante eventi come matrimoni o concerti di beneficenza.

 

Una formazione giovane che, con grande entusiasmo, vuole trasmettere a chi ascolta la gioia, l’energia ed il divertimento del cantare insieme, nonché i valori di amicizia, solidarietà e fraternità, come indicano anche i colori della veste: il bianco a simboleggiare la pace ed il rosso a richiamare l’amore.

Ed è proprio per il suo ritmo che giunge dritto al cuore e per il suo messaggio positivo che si è scelto di interpretare un genere musicale apparentemente così distante territorialmente e culturalmente da noi ma in realtà più comune e familiare di quanto crediamo.

 

Il termine Gospel può avere un’accezione molto ampia ma per cominciare a conoscerlo possiamo partire da qui: Gospel significa Vangelo.

Cos’altro è quindi il Gospel se non un canto di ispirazione religiosa che si basa su temi e testi evangelici?

E’ una musica religiosa, di una religione particolare, quella che risulta dal sovrapporsi di due “culture” così diverse, la bianca e la nera, diventate una sola a causa di un triste processo storico: la schiavitù. Persone letteralmente spogliate da ogni diritto umano che cantavano per farsi forza e mantenere la loro dignità di individuo, che gli schiavisti bianchi facevano di tutto per cancellare. Gente che vedeva in Gesù l’amico, l’alleato, un’entità alla quale aggrapparsi con tutte le loro forze per credere che un giorno, presto o tardi, quella condizione al limite delle possibilità umane sarebbe finalmente cessata, dando loro la tanto sospirata libertà.

 

I nostri coristi

 

Soprani:Francesca L.
Ismaela C.
Maddalena C.
Martina G.
Valentina G.
Contralti:Alessia A.
Vanessa T.
Lucia Z.
Cristina M.
Luisa M.
Valentina F.
Tenori:Angelo S.
Federico A.
Gian Marco A.
Bassi:Lorenzo M.
Leonardo C.
Massimiliano B.
Alessandro S.
Alessandro F.
Alessandro L.

 

Direttrice: Silvia Benesperi